AMC

ADUNANZA PLENARIA DEL CONSIGLIO DI STATO N° 5/2015

Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n° 5/2015
L’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato nella sentenza qui pubblicata e segnalata anche nell’editoriale di questo sito in quanto ottenuta sulla base di un caso di studio patrocinato dall’Avv. Massimo Carlin, ha dettato una serie di principi fondamentali nell’ambito del processo amministrativo.
Il caso concreto era sorto da un ricorso al T.A.R. Veneto nel quale era stata proposta tanto la domanda di annullamento dell’aggiudicazione e di nullità del contratto stipulato con la Ditta dichiarata vincitrice, quanto la domanda di risarcimento dei danni subiti dalla Parte ricorrente per la mancata aggiudicazione del servizio, domanda che, naturalmente, presupponeva la conservazione della gara, la dichiarazione di illegittimità del suo esito e il risarcimento per equivalente visto che, nel frattempo, il servizio oggetto di gara, pur se illegittimamente aggiudicato, era stato già espletato e quindi non era più formulabile la domanda di risarcimento in forma specifica mediante aggiudicazione alla ricorrente pretermessa. Il primo Giudice aveva accolto il ricorso ma esaminando unicamente la domanda di annullamento della gara, che era stata invece introdotta in via subordinata dalla Ditta ricorrente e con il secondo motivo, dichiarando, al contempo, “assorbita” la domanda svolta al primo motivo e in via principale di accertamento dell’illegittimità dell’aggiudicazione e quindi di risarcimento del danno. La ricorrente -che con quella sentenza otteneva solo una vittoria formale ma senza ristoro del pregiudizio e, per di più, con compensazione delle spese- ha proposto ricorso al Consiglio di Stato proprio deducendo, quale primo motivo d’appello, la non corretta applicazione dell'”assorbimento” dei motivi da parte del T.A.R. e la necessità che il Giudice amministrativo valuti i motivi nell’ordine prospettato dal ricorrente, che dunque può “graduare” i motivi stessi. La V^ Sezione del Consiglio di Stato ha rimesso la tematica, di somma importanza giuridica e risolta in termini discordanti dalle Sezioni in sentenze precedenti, all’Adunanza Plenaria che ha dettato importanti principi, uno dei quali proprio a conferma dell’impostazione dell’atto d’appello redatto da questo Studio.

Ricerca


Inserisci chiavi di ricerca all'interno del form e segui i suggerimentii

Risorse:

Clicca per scaricare gli allegati al testo.

Sezione / Materie:

L'articolo è pubblicato nella sezione: casi di studio (15)

Diritto Amministrativo:

processo amministrativo (49) - risarcimento verso la P.A. (24) - contratti pubblici (22) - appalti (20) - concorsi e gare (20) - servizi (9) - stipula (1)

Clicca per visualizzare gli articoli della materia

Parole chiave:

Parole chiave associate all'articolo. Clicca per navigare i contenuti associati

adunanza (3) - assorbimento (2) - danno (10) - esame (3) - graduazione (4) - motivi (5) - ordine (7) - plenaria (3) - risarcimento (15)