AMC

COMMISSIONE DI GARA E CONFLITTO DI INTERESSI

T.A.R. Puglia-Lecce, Sez. II^, sentenza 29 giugno 2017, n° 1074
La sentenza qui pubblicata afferma il principio, in tutto condivisibile, che è illegittima la composizione della Commissione di gara il cui presidente sia la persona che ha approvato e sottoscritto l’avviso pubblico di indizione della procedura, ponendosi questo ruolo in violazione con il Codice dei Contratti pubblici secondo il quale i componenti di una Commissione giudicatrice non devono avere svolti alcuna funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta. Il principio è espressivo della più generale esigenza di imparzialità e terzietà che i funzionari pubblici devono avere rispetto agli atti e agli operatori economici che sono in competizione tra di loro. Tale principio molto spesso non viene rispettato e genera situazioni di conflitto latente, ovverosia evidente, che possono tradursi nei profili di illegittimità per mancanza di obiettività, riscontrati nella contrattualistica pubblica anche di rilevante valore economico.

Ricerca


Inserisci chiavi di ricerca all'interno del form e segui i suggerimentii

Risorse:

Clicca per scaricare gli allegati al testo.

Sezione / Materie:

L'articolo è pubblicato nella sezione: news (264)

Diritto Amministrativo:

contratti pubblici (22) - appalti (20) - concorsi e gare (20) - concorrenza (13) - accesso e trasparenza (6)

Clicca per visualizzare gli articoli della materia

Parole chiave:

Parole chiave associate all'articolo. Clicca per navigare i contenuti associati

commissione di gara (1) - conflitto di interessi (1) - contratti pubblici (2) - incompatibilità (1)