AMC

DIRITTO COMUNITARIO, LIBERALIZZAZIONI E AEROPORTI

T.A.R. Veneto, Sez. I^, sentenza 23 agosto 2017, n° 797
Nella pronuncia qui commentata e concernente vicenda giudiziaria seguita da questo Studio e patrocinata dall’Avv. Massimo Carlin, il T.A.R. Veneto, nel rendere l’assai rilevante principio secondo cui per la concessione dei parcheggi entro gli aeroporti è sempre necessaria la pubblica gara, ha anche affermato, disattendendo le tesi della Società concessionaria, che non può parlarsi di “liberalizzazione” nell’ambito di un mercato contingentato, qual’è quello concernente lo sfruttamento economico degli spazi, necessarimente esigui, destinati a parcheggio in un aeroporto. Quando la risorsa pubblica è “scarsa” -come accade, ad esempio, anche nel settore delle concessioni demaniali marittime- non vi può essere un accesso indiscriminato e senza limiti degli Operatori che intendono rendere il servizio e, quindi, non può sussistere il meccanismo della “liberalizzazione”, che concerne il regime autorizzatorio, assai attenuato, se non inesistente. In casi di questo genere, invece, occorre l’evidenza pubblica per la concessione degli spazi, proprio per la limitatezza della risorsa. E questa è la tesi che era stata sostenuta in giudizio dal patrocinio delle Società ricorrenti e che ha avuto accoglimento dal Tribunale.

Ricerca


Inserisci chiavi di ricerca all'interno del form e segui i suggerimentii

Risorse:

Clicca per scaricare gli allegati al testo.

Sezione / Materie:

L'articolo è pubblicato nella sezione: news (264)

Diritto Amministrativo:

autorizzazioni (27) - concessioni amministrative (23) - contratti pubblici (22) - concorsi e gare (20) - concorrenza (13)

Diritto dei Beni Immobili:

demanio e patrimonio (20)

Clicca per visualizzare gli articoli della materia

Parole chiave:

Parole chiave associate all'articolo. Clicca per navigare i contenuti associati

concessione demaniale (3) - evidenza pubblica (1) - gara pubblica (11) - liberalizzazione (3) - risorse scarse (1) - subconcessione demaniale (2)