AMC

DOPPIA CONFORMITA’ PER LA SANATORIA EDILIZIA

Corte Costituzionale, sentenza 11 maggio 2017, n° 107
Nella sentenza in epigrafe la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità di una norma regionale della Campania che consentiva la presentazione ed approvazione di sanatoria edilizia ex art. 36 Testo Unico dell’Edilizia anche per edifici realizzati prima dell’entrata in vigore di tale norma ma conformi solo alla stessa, che ampliava i presupposti di realizzabilità. In sostanza, con questa disposizione veniva contraddetto il principio dell’art. 36 T.U.E. secondo cui la “doppia conformità” dev’essere verificata al momento della realizzazione dell’abuso e al momento della presentazione della domanda. La circostanza che una difformità non sia più tale in base ad una legge emanata successivamente al compimento della stessa scardina il principio dell’art. 36 T.U.E.. Al contempo la norma regionale si addentrava in ambiti interdetti ad essa perchè riservati alla competenza esclusiva statale. Ancora una volta siamo in presenza di esorbitazioni dalle attribuzioni regionali, più volte segnalate in questo sito.

Ricerca


Inserisci chiavi di ricerca all'interno del form e segui i suggerimentii

Risorse:

Clicca per scaricare gli allegati al testo.

Sezione / Materie:

L'articolo è pubblicato nella sezione: news (264)

Diritto Amministrativo:

permessi e assensi (32) - autorizzazioni (27)

Diritto dei Beni Immobili:

edilizia (42) - urbanistica e territorio (30) - permessi (20) - dia-scia (20) - autorizzazioni (19)

Clicca per visualizzare gli articoli della materia

Parole chiave:

Parole chiave associate all'articolo. Clicca per navigare i contenuti associati

Corte Costituzionale (5) - doppia conformità (1) - legislazione regionale (1) - norme fondamentali statali (1) - sanatoria edilizia (1)