AMC

LEGITTIMO AFFIDAMENTO DEL PRIVATO VERSO LA P.A.

T.A.R. Piemonte-Torino, Sez. II^, sentenza 8 giugno 2017, n° 713
La sentenza qui pubblicata tratta la tematica dell’affidamento riposto dalla parte privata nei confronti dei provvedimenti assunti dalla P.A., con particolare riguardo agli atti di autotutela mediante i quali la P.A. annulla, revoca o ritira propri precedenti provvedimenti. Può, dunque, accadere che il ritiro di provvedimenti, soprattutto se favorevoli alla parte privata o ampliativi, determini pregiudizi o danni che possono dar luogo a domanda di risarcimento determinata dagli atti di ritiro e, comunque, dal comportamento dell’Amministrazione. Esiste una differenza, ha statuito il Tribunale, tra l’affidamento ingenerato da atti dell’Amministrazione determinati dall’opportunità o dal superiore interesse pubblico e quello determinato dal ritiro di un atto illegittimo. Nel primo caso, chiaramente, il margine per valutare la risarcibilità dell’affidamento riposto è più ampia. Nello specifico l’atto di autotutela era motivato da un’illegittimità originaria del provvedimento e quindi non è stato ritenuto passibile di conseguenze risarcitorie. La questione è però aperta e non certo risolta nell’attuale assetto giurisprudenziale, tanto che anche in questa vicenda il Tribunale ha attestato “la complessità e novità della questione“.

Ricerca


Inserisci chiavi di ricerca all'interno del form e segui i suggerimentii

Risorse:

Clicca per scaricare gli allegati al testo.

Sezione / Materie:

L'articolo è pubblicato nella sezione: news (264)

Diritto Amministrativo:

processo amministrativo (49) - risarcimento verso la P.A. (24) - indennità (8) - equo indennizzo (5)

Clicca per visualizzare gli articoli della materia

Parole chiave:

Parole chiave associate all'articolo. Clicca per navigare i contenuti associati

affidamento legittimo (1) - autotutela della P.A. (2) - autotutela per opportunità o rivalutazione dell'interesse (1) - risarcimento del danno (3) - vizio originario dell'atto (1)