Chiave di ricerca: decadenza

LE VIOLAZIONI GRAVI LEGITTIMANO LA DECADENZA DALLA CONCESSIONE DEMANIALE

T.A.R. Campania-Salerno, Sez. I^, sentenza 17 luglio 2017, n° 1208
Nel caso specifico venivano in rilievo difformità edilizie compiute dal concessionario demaniale nella realizzazione di opere sulla spiaggia, costituite da alcuni manufatti aggiuntivi, maggiori dimensionamenti dei servizi o maggiori altezze. Il Comune aveva dichiarato la decadenza dalla concessione demaniale ex art. 47 Cod. Nav. e la parte privata aveva impugnato al T.A.R..

TERMINE PER L’IMPUGNAZIONE DEGLI ATTI REGOLAMENTARI

Sentenza T.A.R. Campania, Sezione III^, 11 maggio 2015, n° 2601
Nel caso trattato dalla sentenza qui pubblicata veniva impugnato un atto regolamentare comunale inerente la disciplina della sosta e del parcheggio in aree urbane. Si è posto il tema del termine per l’impugnazione dell’atto regolamentare ed il Collegio ha affermato il principio, già precedentemente esposto da una certa giurisprudenza amministrativa.

DECADENZA DALL´AUTORIZZAZIONE COMMERCIALE

Sentenza T.A.R. Sicilia – Catania, Sez. II^, 19 ottobre 2012, n° 2482
La normativa generale in tema di commercio prevede che l´autorizzazione alla gestione dell´attività decade qualora vi sia una sospensione dell´esercizio dell´attività medesima superiore ai dodici mesi. Questa sanzione, tuttavia, non può essere applicata nel caso in cui l´esercizio dell´attività commerciale sia avvenuto ad opera di Soggetto diverso rispetto a quello effettivamente autorizzato, sempre che questa gestione trovi fondamento in un titolo valido ed opponibile, quale, ad esempio, un contratto di affitto d´azienda. La personalità dell´autorizzazione non si oppone, dunque, a che la gestione avvenga ad opera di Soggeto qualificato diverso.

DECADENZA DALLA CONCESSIONE DEMANIALE MARITTIMA

Sentenza T.A.R. Puglia – Lecce, Sez. I^, 7 giugno 2013, n° 1350
Il provvedimento di decadenza dalla concessione demaniale marittima, disciplinato dall´art. 47 del Codice della Navigazione, ha natura vincolata in quanto l´Amministrazione esercita una discrezionalità di tipo tecnico nella verifica di sussistenza delle ipotesi decadenziali. Tali ipotesi, però, devono essersi verificate con carattere di definitività ed in termini chiari ed evidenti, vista la gravità della decisione che può essere assunta -nello specifico la decadenza per il caso di cui alla lett. f) dell´art. 47 impone che le inadempienze del concessionario compromettano in via irreversibile il proficuo prosieguo del rapporto, oppure rendano inattuabili gli scopi per i quali la concessione è stata rilasciata.

VINCOLI ESPROPRIATIVI E VINCOLI CONFORMATIVI

Sentenza Cons. Stato, Sez. IV^, 28 dicembre 2012, n° 6700
Con la sentenza qui pubblicata il Consiglio di Stato torna sulla nota tematica dei vincoli espropriativi e conformativi. Solo quelli aventi carattere espropriativo rimangono assoggettati al limite di durata fissato in cinque anni, come stabilisce il Testo Unico delle Espropriazioni n° 327/2001 e già in precedenza stabiliva la Legge n° 1187/1968. Hanno natura espropriativa quei vincoli che localizzano puntualmente un´opera pubblica la cui realizzazione non può coesistere con la proprietà privata, mentre hanno carattere conformativo e perciò non ablatorio quei vincoli che si limitino a perseguire obiettivi di carattere generale, quali le aree di rispetto di una strada esistente, il verde attrezzato, la destinazione a parco o a zona agricola di pregio.

DECADENZA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE

T.A.R. Abruzzo – Pescara, Sez. I^, 4 febbraio 2013, n° 61
Com´è noto, dal momento del rilascio del permesso di costruire la parte ha un anno di tempo per iniziare i lavori e questo inizio dev´essere effttivo e concreto, non meramente formale. Per conseguenza, risulta legittimo il provvedimento che ha pronunciato la decadenza del permesso per supero del termine annuale, nel caso in cui a concretare il concetto di inizio lavori si fossero invocate unicamente la messa in opera della rete di recinzione del cantiere, l´effettuazione di alcuni lavori di bonifica dei luoghi e di pulizia, l´installazione di cartelli di cantiere o il taglio degli alberi, quando, però, al contempo, lavori concretamente edilizi non fossero rilevabili.