Chiave di ricerca: esame

LA PARTE DEVE “GRADUARE” I VIZI – MOTIVI DI RICORSO

Consiglio di Stato – Adunanza Plenaria, sentenza 27 aprile 2015, n° 5
Nell’importante sentenza qui pubblicata, sorta da un caso di studio patrocinato dall’Avv. Massimo Carlin, l’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha stabilito che la Parte ricorrente, se vuole che i vari motivi dedotti nei confronti di uno o più atti amministrativi ritenuti illegittimi siano esaminati nell’ordine proposto in ricorso o nei motivi aggiunti, deve graduare i vizi stessi in quanto, così facendo, vincola il Giudice ad esaminare le doglianze secondo l’ordine proposto, che corrisponde anche ad un interesse concreto, dalla Parte.

ESAME DEI MOTIVI DA PARTE DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO

Consiglio di Stato – Adunanza Plenaria, sentenza 27 aprile 2015, n° 5
Con la sentenza pubblicata l’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha affrontato il tema dell’ordine di esame dei motivi da parte del Giudice Amministrativo, sulla base della prospettazione della Parte, muovendo da orientamenti diversificati dello stesso Giudice Amministrativo, uno dei quali sosteneva che il Giudice, in ossequio al superiore principio di economia dei mezzi processuali ed a quello del rispetto della scarsità della risorsa – giustizia.