Chiave di ricerca: obbligo di istruttoria

UNA SENTENZA SULLE REGOLE PER UNA VERA GARA “COMUNITARIA” (E SULL’OBBLIGO DI DIRE LA VERITA’)

T.A.R. Veneto, Sez. I^, sentenza 27 aprile 2017, n° 399
Da alcuni mesi a questa parte circola nella Regione Veneto e non solo una singolare storiella, secondo la quale vi sarebbe chi -Ente pubblico ed Operatori- avrebbe dato per primo alla luce il giusto “metodo” per rispettare le regole comunitarie e nazionali sull’obbligo di pubblica gara per le concessioni demaniali marittime. Questo “metodo” consisterebbe nel far redigere una perizia di parte ad esclusivo arbitrio del concessionario uscente, nel consegnarla al Comune che non deve nemmeno guardarla.

DEMANIO MARITTIMO, CONCESSIONI E REGOLE DI CORRETTEZZA

T.A.R. Veneto, Sez. I^, sentenza 27 aprile 2017, n° 399
La sentenza del T.A.R. Veneto qui pubblicata rende giustizia rispetto ad una serie di violazioni di legge ed omissioni procedimentali che un Comune balneare Veneto aveva compiute -e non per la prima volta- nel gestire la concessione demaniale di un importante tratto di arenile. Le regole legali invocate dall’Ente erano fuori luogo rispetto alla fattispecie da regolare, le norme generali amministrative erano state ignorate e una gara asseritamente conforme a regole comunitarie e nazionali.